25. ott, 2021

Il 19 e il 20 maggio 2022 a Ravenna l'edizione 2022 della Giornata Europea del Mare

Già da oggi, lunedì 25 ottobre, è online il portale dell’edizione 2022 di European Maritime Day, (https://ec.europa.eu/maritimeaffairs/maritimeday/index_en) che si svolgerà il 19 e 20 maggio a Ravenna, con il tema: Reaserch, Energy, Sustainability.
Istituita nel 2008, la Giornata Europea del Mare (EMD) è il punto di incontro annuale dell'Unione europea sugli affari marittimi e la crescita blu sostenibile. È organizzata dalla Commissione europea – DG mare – e dal Comune di Ravenna, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna.
“Ravenna ha una tradizione di mare e un rapporto con la portualità con radici profonde – dichiara il sindaco Michele de Pascale –. Anche nella sua storia recente la nostra città ha creato attorno al mare una parte significativa della propria identità e della propria economia. In questo senso ci aspettano nei prossimi anni due sfide importantissime che daranno all’identità marittima ravennate una svolta decisiva, mi riferisco alla realizzazione del terminal crociere e al progetto dell’Hub portuale. La Giornata Europea del Mare rappresenta, dunque, un importante riconoscimento internazionale di questo legame profondo tra la città e il mare e un’opportunità straordinaria per entrare in contatto con partner strategici, stabilire nuovi contatti e creare reti, ottenere visibilità per progetti, idee, attività e risultati. È un momento di incontro per acquisire nuove conoscenze sull'evoluzione della politica della Ue e del panorama dei finanziamenti e fornire input nella formulazione della politica marittima europea”.
Saranno due giorni di sessioni plenarie di alto livello, con relatori internazionali, scambi di esperienze e workshop fra parti interessate. Infatti EMD ha sempre attirato esperti tutta Europa e non solo. L’ultima edizione in presenza si è svolta a Lisbona nel 2019, con oltre 1500 delegati. L’edizione 2020 prevista nella città irlandese di Cork è purtroppo stata cancellata; l’edizione 2021 si è svolta in streaming dalla città olandese di Den Helder; si auspica che EMD 2022 a Ravenna possa avvenire nuovamente in presenza, con circa 1000 delegati attesi.
I temi e gli obiettivi delle giornate affronteranno le priorità chiave dell'agenda CE/UE quali: il cambiamento climatico, le energie rinnovabili, l'inquinamento e la salvaguardia del mare, la finanza sostenibile, l'occupazione e la crescita nelle aree costiere. I professionisti marittimi discuteranno di questioni trasversali e svilupperanno visioni e azioni congiunte riguardanti le opportunità sia in settori consolidati come il turismo e la cantieristica, sia in aree emergenti come l'energia oceanica o la bioeconomia blu. Al centro degli incontri ci saranno anche l’utilizzo delle risorse dei mari in modo sostenibile, probabilmente uno dei temi più importanti.
EMD sarà un’occasione per la Commissione Europea, che cura il programma delle due giornate, per aggiornare i partecipanti in merito alle iniziative di politica marittima in corso. Come all'EMD Den Helder dove è stata lanciata la comunicazione sull'economia blu sostenibile. L’appuntamento EMD mette in evidenza il valore aggiunto della comunicazione e della cooperazione tra i paesi e le diverse competenze nelle operazioni di guardia costiera, nella condivisione dei dati o nella ricerca e innovazione al fine di condividere le sfide che stiamo affrontando e migliorare le prestazioni.
È prevista anche un’area EMD Expo per offrire una panoramica sulle interessanti opportunità offerte dai nostri mari che molte aziende stanno iniziando a cogliere. Nell’EMD Expo di Lisbona sono stati ospitati 101 espositori.
Sono previste attività di networking, nelle aree meeting: nell’edizione EMD Lisbona 2019 si sono registrarti un totale di 320 incontri utilizzando la specifica app realizzata dalla Commissione. Sarà programma anche un ricevimento di networking la sera del primo giorno, diventato una tradizione all'EMD.
Infine è previsto un programma di iniziative collaterali, da svilupparsi nel corso del week end che segue la conferenza, per dare ampio spazio alla promozione ed alla conoscenza del nostro territorio e del suo legame con l’acqua