14. lug, 2022

Chiuso con successo il BIM STREET ART per la rigenerazione urbana

Ultimate le finiture delle tre opere murali realizzate nell'occasione, Bellaria Igea Marina archivia con successo l'edizione 2022 di “Bim Street Art. I muri che non ti aspetti”. Una manifestazione distribuita lungo un'intera settimana, dedicata alla rigenerazione urbana nelle sue varie declinazioni, impreziosita da workshop ed eventi. Un contenitore artistico e culturale diffuso, con baricentro ideale e non solo collocato nella nostra ex Fornace. Un grande laboratorio all'aperto in cui creatività, incursioni artistiche, esposizioni, cinema e momenti di approfondimento professionale si incontrano sul terreno della rigenerazione urbana e dell’attribuzione di nuovi significati ai luoghi in disuso. Una manifestazione introdotta lo scorso anno, che si rinnova e si arricchisce", così l’Assessore alla Cultura e all’Urbanistica Michele Neri aveva introdotto nei giorni scorsi “Bim Street Art. I muri che non ti aspetti”, organizzata dall'Amministrazione in collaborazione con La Bottega Culturale. Iniziativa chiave anche di questa edizione 2022, come detto, le attività di wall painting che hanno consegnato alla città tre nuove opere murali di grande qualità e impatto visivo, realizzate presso l’Istituto Scolastico Alfredo Panzini di Via Parenzo, il sottopasso del porto canale – lato Igea Marina -  e il sottopasso di via Pertini: firmate rispettivamente dai creativi Psiko, Basik e Yopoz. Una rigenerazione in chiave artistica e moderna, nel pieno spirito dell’arte di strada, a cui si sono affiancate altre iniziative. Piatto forte, la ricca programmazione che, con buon successo di pubblico, ha visto come suggestivo teatro la ex Fornace: tra mostre mercato, spazi creativi, sonorizzazioni live e dj set. Parte integrante della manifestazione anche il workshop rivolto a tecnici e professionisti svoltosi al Palazzo del Turismo. Intitolato “Strumenti e percorsi per la riattivazione urbana”, ha approfondito il tema della valorizzazione e della riqualificazione dei luoghi in disuso, alla presenza tra gli altri dell’Arch. Gabriella F. Marangelli, Presidente Ordine Architetti PPC della provincia di Rimini, e dello stesso Assessore Neri.