14. set, 2021

Una Pizza Solidale contro la Sclerosi Multipla a Lugo

Si terrà nella serata di venerdì 24 settembre al Ristorante Rosa dei venti a Ca' di Lugo la cena a base di «Pizza solidale» organizzata dalla sezione ravennate dell'AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) in collaborazione con i Centri clinici SM di Lugo, Ravenna e Faenza.
Il perché di questa iniziativa ce lo racconta Cristina Mazza, volontaria della sezione AISM di Ravenna, che, assieme ad altri volontari sta curandone l’organizzazione: «Questa sarà l'occasione per soci e sostenitori di ritrovarsi in presenza e sottolineare come l'associazione sia a fianco di tutte le persone con sclerosi multipla.
La scelta di incontrarci a Lugo risponde al progetto della sezione di essere maggiormente presente nei territori in modo da rispondere meglio ai bisogni di ogni persona nella propria realtà locale. La pandemia ha evidenziato come ogni Comune possa diventare in casi eccezionali il perimetro e il confine degli spostamenti».
Alla cena saranno presenti anche la neurologa del Centro Clinico di sclerosi multipla di Lugo, dott.ssa Monica Spadoni, e la responsabile provinciale, la dott.ssa Maria Grazia Piscaglia.
La quota di 20 euro comprende giro pizza, dolce, bevanda e caffè.
Parte del ricavato della cena andrà a sostegno delle attività di sezione per il supporto delle persone con SM e dei loro familiari.
In ottemperanza alle normative sanitarie, i partecipanti devono essere muniti della Certificazione verde Covid 19. È necessaria la prenotazione entro il 20 settembre ai numeri di telefono della sezione 0544/455308 e 337/1414512 oppure via mail all'indirizzo aismravenna@aism.it o tramite WhatsApp. Il ristorante La Rosa dei Venti si trova in via Fiumazzo 161 a Ca' di Lugo.
L'Associazione Italiana Sclerosi Multipla lavora per raggiungere tutte le persone con SM e non lasciare indietro nessuno. La sezione provinciale AISM di Ravenna, nata nel 1987, in questi anni ha proposto varie attività per i propri soci. Oltre ad organizzare eventi informativi, l'associazione si occupa di fornire sopporto alla mobilità per visite e prestazioni medico-sanitarie, oltre al servizio di ritiro farmaci. Senza dimenticare le diverse attività di benessere a supporto ed in continuità con le prestazioni sanitarie fornite direttamente dai Centri Clinici SM. La proposta del supporto psicologico, ad esempio, è diversificata per i neo diagnosticati, i familiari e le persone con la sclerosi multipla. Numerosi i progetti messi in campo in questi anni, in particolare l'AFA (Attività Fisica Adattata) e l’attività in piscina. Inoltre presto partiranno gli incontri formativi di consulenza e addestramento per persone con grave disabilità, tenuti da un ex medico di Fisiatria e due fisioterapiste in pensione finanziate dalle ditte Quality Test srl e Traghetti e Crociere, attraverso l’iniziativa promossa dal Comune di Ravenna “Adotta un Progetto”.
«Nel tempo la concezione stereotipata delle persone con SM, identificate con la sedia a rotelle, è mutata - spiegano le volontarie AISM - consentendo di spostare l’attenzione dall’oggetto di cure e prestazioni al malato, inteso come persona e soggetto di diritti».
Dalle parole di Cristina e dei volontari che stanno organizzando la «Pizza solidale», apprendiamo che dall’inizio di questa pandemia la sezione AISM di Ravenna ha ripensato a come essere d’aiuto «in un momento in cui tutti eravamo costretti al distanziamento e all’isolamento». È emersa l’importanza di essere vicini alle persone con SM attraverso il contatto periodico, cercando di capire le necessità del momento e fornendo le mascherine quando erano di scarsa reperibilità. Va anche sottolineato che le psicologhe di sezione sono sempre state a disposizione di chiunque sentisse la necessità di un confronto in questo periodo di forte stress emotivo. È partito il supporto psicologico per i neo diagnosticati, da tempo richiesto dalle persone con SM all’esordio della malattia e dai giovani in contatto con la sezione. L’inverno scorso è stato garantito il corso AFA a distanza tramite la piattaforma Zoom. E questo è molto importante, perché il ricorso allo strumento digitale ha garantito non pochi vantaggi alle persone più lontane che hanno potuto partecipare a corsi prima interdetti dalla distanza, o dalle difficoltà nella mobilità.
Infine, è importante sapere che, considerando la stretta e collaudata modalità di lavoro in rete che caratterizza i 3 Centri Clinici SM funzionanti sul nostro territorio (Ravenna, Lugo e Faenza), la sezione AISM collabora frequentemente con l’U.O. di Neurologia dell’Ospedale di Ravenna e con il suo primario dott. Pietro Querzani, in particolare per organizzare momenti pubblici di informazione sui temi della sclerosi multipla e della sua presa in carico (cure, farmaci, alimentazione, benessere, ecc.).