28. nov, 2021

La Consar RCM si rimette in cammino: contro Milano arriva un punto

Goi e compagni dopo sei partite tornano a muovere la classifica. La più bella versione stagionale di Ravenna, esaltata dai 26 punti di Vukasinovic e Klapwijk, si arrende solo nella seconda metà del quinto set, dopo essere risaliti la china del match dal 2-0 e dal 7-2 per l’Allianz nel terzo set.
Non basta la serata sontuosa, la migliore fin qui della loro stagione, di Klapwijk e Vukasinovic (26 punti a testa, con il montenegrino che griffa anche due ace e tre muri), alla più bella Consar RCM di questa annata per conquistare la prima vittoria. Dopo la maratona del turno scorso contro Cisterna, la gara più lunga della storia della A1, l’Allianz Milano arriva nuovamente al quinto set e si impone dopo 2 ore e 29 minuti, al Pala de Andrè. Sotto 2-0 e 2-7 nel terzo set, Goi e compagni sfoggiano un’eccellente rimonta, conquistano terzo e quarto set ma si fermano, ormai senza più energie, sul 7 pari del quinto set. Appuntamento con la vittoria ancora rimandato ma il punto conquistato muove la classifica e potrebbe sancire la svolta tanto attesa. Il tutto alla vigilia di due trasferte a Verona (sabato 4) e a Cisterna (domenica 12) che valgono parecchio per la classifica.
I sestetti Coach Zanini conferma il sestetto che ha iniziato la gara di Civitanova con Biernat-Klapwijk, i centrali Comparoni-Erati, gli schiacciatori Vukasinovic e Ljaftov. Nell’Allianz non c’è Patry, fermato da un affaticamento muscolare. Al suo posto il campione d’Europa Romanò, opposto all’alzatore Porro. Piano e Chynenyeze sono i centrali, Ishikawa e Jaeschke gli schiacciatori, Pesaresi è il libero.
La cronaca della partita Il primo strappo all’equilibrio iniziale del primo set lo produce l’Allianz, che dall’8 pari piazza un break di 4 punti, che si porta dietro fino al 19-23. Qui Goi (congratulazioni a lui per il traguardo delle 300 partite in carriera raggiunto) e compagni prendono un filotto di tre punti e su un errore avversario agganciano Milano a quota 24. L’Allianz ha lo sprint giusto per chiudere il set.
Inizio equilibrato anche nel secondo set, con i padroni di casa che ribattono colpo su colpo. Milano allunga al +3 (5-8), Vukasinovic con un filotto di tre punti consecutivi, riesce ad agganciare la parità a quota 10. Nuovo +3 per gli ospiti (13-16) e nuova rimonta riuscita (sul 17 pari) che apre ad un’appassionante fase punto a punto. Sul 21 pari, la terza accelerazione dell’Allianz, propiziata soprattutto da Jaeschke, alla fine il miglior attaccante dei suoi con 25 punti, piega la Consar RCM che non trova più lo spazio per chiudere il buco.
La formazione di Piazza scatta dai blocchi del terzo set con più energia (1-4 e 2-7), ma con Fusaro (partito nello starting six al posto di Comparoni) e un tambureggiante Vukasinovic la Consar RCM si porta a -2 (10-12), Klapwijk manda in tilt la difesa ospite ed è -1 (13-14) e Ljaftov perfeziona la rimonta vincendo un duello sottorete (15 pari). Fusaro sottorete firma il vantaggio Ravenna (19-18), Vukasinovic a muro firma il 23-21 e poi va a concludere l’attacco vincente del set.
Ed è sempre il montenegrino il protagonista della serata. Il suo ace nel quarto set vale il 5-2 per la Consar RCM. L’Allianz, con Chynenyeze opposto, è sorpresa e sembra avere perso le sue certezze: la Consar RCM trova un preziosissimo break che la manda al +7 (12-5) sfruttando un efficace turno al servizio di Ljaftov (un ace per lui) e non molla più la presa. Un ace di Fusaro e un attacco di Vukasinovic segnano il +6 (21-15) e aprono la strada alla conquista del set.
Comparoni per Erati nel quinto set che vede la Consar RCM prendere subito un +2 (4-2), annullato a quota 5 da Milano, poi un gran muro di Porro lancia l’Allianz davanti (6-7), che prende il largo (7-10). Goi e compagni provano a reagire, si portano sul -2 (12-14) ma Milano chiude i conti.
Il commento di coach Zanini "Devo fare i complimenti ai miei ragazzi per la partita che sono riusciti a fare. Non era facile risalire dopo i primi due set persi, tra l'altro con una grandissima occasione sprecata nel primo, e invece ci sono riusciti. E' stata la più bella partita che abbiamo fatto finora, contro Milano che, pur privo di Patry e con Romanò in condizioni non ottimali, ha fatto cose straordinarie. Ci è mancata un pizzico di malizia e di esperienza ed è un vero peccato perchè cogliere una vittoria qui al de Andrè davanti al nostro pubblico sarebbe stato bellissimo".

Ravenna-Milano 2-3
(24-26, 21-25, 25-23, 25-21, 12-15)
CONSAR R.C.M. RAVENNA: Biernat 2, Klapwijk 26, Comparoni 2, Erati 2, Ljaftov 13, Vukasinovic 26, Goi (lib.), Queiroz, Orioli, Fusaro 5. Ne: Pirazzoli (lib.), Ulrich, Dimitrov, Candeli. All.: Zanini.
ALLIANZ MILANO: Porro 2, Romanò 7, Chynenyeze 17, Piano 8, Ishikawa 16, Jaeschke 25, Pesaresi (lib.), Daldello, Maiocchi, Mosca, Djokic 2. Ne: Staforini (lib.). All.: Piazza.
ARBITRI: Boris di Vigevano e Venturi di Torino.
NOTE: Durata set: 32’, 35’, 31’, 31’, 20’ tot. 149’. Ravenna (4 bv, 14 bs, 8 muri, 19 errori, 42% attacco, 51% ricezione, 30% perf.), Milano (7 bv, 19 bs, 13 muri, 12 errori, 40% attacco, 46% ricezione, 26% perf.). Spettatori 638 per un incasso di 5514 euro. Mvp: Porro.