13. dic, 2021

Una domenica nera a Cisterna per la Consar RCM

Al termine di una deludente partita, la squadra ravennate si arrende in poco più di un’ora. Voleva e doveva essere la partita della svolta. E’ stata invece una prestazione anonima e deludente. La Consar RCM perde anche a Cisterna, là dove aveva sempre vinto, e chiude il girone d’andata della SuperLega senza la gioia di un successo. La Top Volley riparte dopo tre sconfitte di fila incamerando in poco più di un’ora il triplo 25-16 finale. I sestetti Queiroz e Orioli nello starting six scelto da coach Zanini. Per il 17enne cesenate è la ‘prima’ da titolare in SuperLega. L’ex coach di Ravenna Fabio Soli, alle prese con numerose assenze, conferma il sestetto dell’ultima partita giocata nel turno infrasettimanale. La cronaca della partita. Il solito inizio lento della Consar RCm (4-1) costringe Zanini a dare la sveglia chiamando il primo time-out. Ma Ravenna fatica a entrare in partita e la Top Volley allunga (9-4 e 11-5). Il muro di casa si mostra invalicabile e permette alla Top di prendersi tre punti consecutivi (14-6). La Consar RCM non trova le contromisure per risalire la corrente e il primo set finisce agevolmente alla formazione di casa. Ci sono Biernat e Ljaftov nel sestetto di partenza del secondo set al posto di Queiroz e Orioli e l’ingresso dello schiacciatore macedone è subito importante: firma tre dei primi 4 punti della sua squadra. La Top reagisce piazzando un break di tre punti, portandosi sul 6-4. Poi Rinaldi e Bossi propiziano un nuovo allungo a +4 (11-7). Non c’è il cambio di ritmo in casa ravennate necessario per ritrovare la parità e per i pontini non ci sono grandi difficoltà nel gestire il vantaggio, incrementandolo nel finale per poi chiudere con lo stesso punteggio del primo. Non c’è reazione in casa Consar RCM e la Top Volley vola nel terzo set sul 5-0, con tre muri. Poi è un monologo pontino (si arriva fino al +9, 16-7 con l’ace di Dirlic) e per la Consar RCM si chiude prestissimo una partita senza mordente e senza sostanza. Il commento di coach Zanini “Non salvo nulla di questa partita, a fine gara ho chiamato subito i ragazzi nello spogliatoio, li ho voluti guardare tutti negli occhi e ho chiesto loro spiegazioni sul perché di questa prestazione. Siamo stati umiliati e a me questo non sta bene. Così come non posso accettare di vedere questo tipo di atteggiamento e di paure affrontando formazioni come Cisterna che sono più vicine a noi e a un livello inferiore alle corazzate della SuperLega. Non abbiamo nemmeno provato a combattere e quando non provi a lottare finisci sconfitto ancor prima di entrare in campo. Dopo una partita del genere, è difficile fare ulteriori commenti”.

Cisterna-Ravenna 3-0 (25-16, 25-16, 25-16)

TOP VOLLEY CISTERNA: Baranowicz 1. Dirlic 16, Bossi 6, Zingel 11, Maar 10, Rinaldi 9, Cavaccini (lib.), Saadat 2, Giani. Ne: Wiltenburg, Picchio (lib.), Raffaelli. All.: Soli.
CONSAR RCM RAVENNA: Queiroz, Klapwijk 7, Erati 3, Fusaro 3, Vukasinovic 10, Orioli 2, Goi (lib.), Biernat, Pirazzoli (lib.), Ulrich 2, Dimitrov 3, Ljaftov 4, Comparoni 1. Ne: Candeli. All.: Zanini.
ARBITRI: Zavater di Roma e Caretti di Guidonia.
NOTE: Durata set: 22’, 26’, 23’ tot. 71’. Cisterna (4 bv, 10 bs, 12 muri, 3 errori, 65% attacco, 66% ricezione, 32% perfette), Ravenna (1 bv, 12 bs, 4 muri, 8 errori, 42% attacco, 43% ricezione, 29% perfette). Mvp. Dirlic.